Casey Barnes Live As One

wcover
Mi piace questo Live As One di Casey Barnes, artista originario della Tasmania ma musicalmente cresciuto tra il Queensland e il Tennessee. Un sound fresco, giovane e moderno perfettamente in linea con i gusti dei fans della nuova country music. Registrato ai Sound Emporium Studios di Nashville in compagnia dell’amico Rick Price, il cd si avvale anche della partecipazione di Nick Didia, producer del New Jersey che ha lavorato con personaggi del calibro di Bruce Springsteen e Rage Against The Machine. Live As One è una brillante collezione di brani (11) scritti per la maggior parte dallo stesso Barnes, che spaziano in tante direzioni e toccano tanti aspetti della vita delle persone. Si passa infatti da argomenti quotidiani, quali l’amore e le relazioni sentimentali, alla necessità di difendere e salvaguardare valori irrinunciabili come l’uguaglianza e la speranza. Prendiamo per esempio la title track Live As One, vero e proprio inno alla speranza diventato famoso in Australia grazie ad un video di sicuro effetto. Molto bella anche Just Like Magic, canzone che potrebbe piacere molto a Luke Bryan o a Kip Moore, scritta da Casey in collaborazione con Michael Paynter e Michael Delorenzis. Una country music ritmata, appena sfiorata dall’Australian style, che spazia nel rock e nel pop rimanendo sempre di ottimo livello. Naturalmente il Nashville sound è molto presente negli arrangiamenti ma questo, almeno per chi scrive questa recensione, è un valore aggiunto e non un difetto. Il tutto però per funzionare a dovere deve essere sostenuto da una bella voce e da una interpretazione convincente, ma in queste cose Casey è indubbiamente molto bravo e l’album scorre via piacevolmente. Vorrei anche citare, fra i miei brani preferiti, l’opening Flesh & Bone, The Crossing e Waiting On The Day il brano sicuramente più pop di tutto l’album che a molti ricorderà lo stile di Keith Urban. In definitiva il mondo della country music Australiana si è arricchito di un nuovo talento. Mi piace questo Live As One di Casey Barnes.(Gianluca Sitta)

This entry was posted in Articles and Reviews. Bookmark the permalink.

Comments are closed.